Questo significa che i conducenti di ciclomotori non superiori a 50 cc e quadricicli leggeri (più conosciuti come minicar) che dispongono della patente AM e quelli di moto e scooter fino a 150 cc., con la patente A1, non solo potranno subire il ritiro, la sospensione o la revoca della patente, ma anche, in caso di violazione delle regole, essere sanzionati con la decurtazione dei punti.

I proventi delle sanzioni per violazioni al codice della strada dovranno essere destinati per almeno il 15% ad un fondo utile a intensificare i controlli su strada e per almeno il 20% ad un fondo per la sicurezza stradale.

E’ quanto prevede poi la legge delega di riforma al codice della strada che introduce l’obbligo di rendicontazione, da parte degli enti proprietari delle strade, dei proventi delle multe ed eventuali sanzioni per gli enti inadempienti.